scarlino veduta panorama

Scarlino

Pubblicato il Pubblicato in città località frazioni

La spiaggia, la collina, il castello, la pianura. C’è un po’ di tutto a Scarlino, comune di poco meno di 4mila abitanti che si trova tra Follonica e Castiglione della Pescaia. E’ uno dei comuni di maggior fascino della Maremma, in grado di vantare autentiche perle.
Il territorio era probabilmente abitato sin dall’Età del Bronzo e presumibilmente assai fiorente nel commercio navale in epoca romana per via del porto dove sorga l’odierna frazione del Puntone. Controllato dagli Aldobrandeschi fino al XII secolo, Scarlino fu poi ceduto nel 1227 ai Pisani che completarono la rocca aldobrandesca e costruirono le mura. Nel 1399 Scarlino passò sotto il dominio piombinese e vi rimase fino al 1815, quando entrò nel Granducato di Toscana. Nel 1834 fu declassato a frazione e accorpato al comune di Gavorrano, tornando autonomo soltanto nel 1960. Scarlino è noto ai libri di storia per l’importante ruolo avuto nel Risorgimento: nell’estate del 1849 Giuseppe Garibaldi soggiornò nella residenza di Angiolo Guelfi, a Scarlino Scalo, e il 2 settembre di quell’anno salpò poi da Cala Martina diretto a Porto Venere.
Nel territorio persiste l’unico vero polo industriale della provincia di Grosseto, in località Casone, con importanti aziende in ambito chimico quali la Huntsman Tioxide (biossido di titanio) e la Nuova Solmine (acido solforico). Dal 1996 è presente anche un cogeneratore. Ma il progressivo ridimensionamento del polo industriale dagli anni Ottanta ha indirizzato sempre più verso il turismo le prospettive di sviluppo di Scarlino grazie al porto turistico del Puntone, alla rinomata spiaggia di Cala Violina, al suggestivo borgo medievale e alle aziende enogastronomiche. Il borgo offre meravigliosi scorsi panoramici sul golfo di Follonica e sul territorio circostante, con vicoli suggestivi e importanti resti di epoca medievale.

 

 

LE FRAZIONI

  • Portiglioni: l’area, nei pressi della Marina di Scarlino, era già abitata nell’antichità.
  • Puntone: frazione lungo la costa, sede del porto turistico (e già importante sempre per via del porto in epoca romana) e del Museo archeologico, a pochi chilometri da Follonica. Si anima soprattutto d’estate per l’apertura dei campeggi della zona.
  • Scarlino Scalo: è il centro urbano più popoloso del comune con oltre 1.500 abitanti, situato sulla vecchia statale Aurelia e da cui si possono raggiungere facilmente Follonica e Massa Marittima.

 

 

LUOGHI DI INTERESSE

  • Rocca Pisana: costruita dagli Aldobrandeschi nel X secolo e ristrutturata dai Pisani nel XIV, è stata oggetto tra il 1979 e il 1983 di campagne di scavo che hanno portato alla luce numerosi resti di insediamenti di età ellenistica e dell’Età del Bronzo. Oggi è sede in estate di concerti ed eventi culturali.
  • Cala Violina e Cala Martina: si tratta di due cale limitrofe che rappresentano uno dei punti più suggestivi di tutta la costa maremmana. Particolarmente rinomata è la spiaggia di Cala Violina, così chiamata per il suono della sabbia, particolarmente bianca. Vi si arriva dopo una passeggiata di circa un chilometro e mezzo attraverso il bosco oppure da un percorso panoramico lungo la costa da Portiglioni.
  • Museo archeologico Portus Scabris: al Puntone di Scarlino, ha in esposizione i reperti romani trovati in mare durante la realizzazione del porto turistico all’inizio del millennio.
  • Centro di documentazione “Gli Etruschi a Scarlino”: espone i reperti etruschi trovati durante le campagne di scavo condotte nel territorio.
  • Centro di documentazione “Riccardo Francovich”: aperto nel 1994 per documentare le campagna archeologiche nel territorio e in particolare quella condotta al castello tra il 1979 e il 1983.

 

 

EVENTI FISSI

  • Le Carriere del 19: manifestazione in costume storico nella quale ogni 19 agosto le tre contrade di Centro, Rocca e San Donato si sfidano in una serie di giochi (tra cui staffetta e tiro con l’arco) nel ricordo della grande festa che fu organizzata nel 1855, alla fine di una tremenda epidemia di colera.