castiglione della pescaia veduta panorama

Castiglione della Pescaia

Pubblicato il Pubblicato in città località frazioni

Castiglione della Pescaia è una delle mete turistiche per eccellenza della Maremma, ma il suo territorio comunale non è soltanto spiaggia e mare. Oltre a Punta Ala con il suo porto, altra nota località per le vacanze, si trovano frazioni interessanti come Tirli e Vetulonia, nota per i suoi ruderi archeologici. Il capoluogo è facilmente raggiungibile da Grosseto e da Follonica, lungo la suggestiva strada costiera delle Collacchie che in alcuni punti presenta panorami mozzafiato. Premiata più volte dal 2005 in poi con le 5 Vele di Legambiente, classifica in cui è stata anche al primo posto in Italia (Mare più bello nel 2015), Castiglione della Pescaia è nota anche come la Piccola Svizzera anche se in passato, tra fine Settecento e inizio Ottocento, era nota come la Piccola Livorno per lo sviluppo del centro e l’importanza strategica del porto. E’ il primo comune della Toscana per turismo balneare (dati 2015) e il quarto nella regione per numero di presenze.
Nel territorio sono state trovate tracce di insediamenti nel Paleolitico superiore, ma il primo imponente sviluppo fu in epoca etrusca, con la costruzione dell’antica città di Vetluna. L’attuale Castiglione della Pescaia era un importante insediamento romano, abbandonato tra il V e l’VIII secolo. La graduale ripresa iniziò nel X secolo con la Repubblica di Pisa. Nel XIV secolo Castiglione divenne un libero comune, sotto la protezione di Firenze, ma nella prima metà del XV secolo fu conquistato dagli Aragonesi, fino alla liberazione nel 1449 da parte di Piombino. Undici anni dopo il castello fu ceduto alla famiglia senese dei Piccolomini e passò poi il secolo successivo ai Medici, nel cui granducato entrò il centro diventando fino al 1737 un Marchesato. Le opere di bonifica e canalizzazione dell’antico Lago Prile portarono dal Settecento poi una nuova prosperità nell’area, grazie anche all’importanza del porto, ma nell’Ottocento la realizzazione della Ferrovia Maremmana che passava nell’entroterra ridimensionò il ruolo di Castiglione, capace però nel tempo di riscoprirsi perla turistica del territorio. A Castiglione sono anche legate importanti figure della letteratura e della musica come lo scrittore Italo Calvino, che riposa nel cimitero del paese e a cui è dedicata la biblioteca comunale, e il direttore d’orchestra Georg Solti, con l’Accademia del bel canto che porta il suo nome e che ogni estate propone Masterclass e concerti nella piazza che porta il nome del maestro. Legatissimo a Castiglione anche l’ex pilota Alex Zanardi.

 

 

LA CURIOSITA’

  • A Riva del Sole si trova una delle sedi del consolato svedese in Italia. Il villaggio turistico di Riva del Sole fu infatti realizzato tra il 1957 e il 1960 dall’azienda svedese Reso e inaugurato alla presenza del primo ministro svedese Erlanger.

 

 

LE FRAZIONI

  • Buriano: fu feudo degli Aldobrandeschi, poi possedimento della famiglia Lambardi, quindi di Siena dal 1332, poi di Pisa e Piombino fino al 1815, fino all’inserimento nel Granducato di Toscana. Di epoca medievale rimangono la rocca e la pieve.
  • Tirli: immerso nei boschi maremmani, pur essendo menzionato sin dall’814 il paese si sviluppò nella seconda metà del XVI secolo. All’inizio del XVII secolo l’arrivo degli agostiniani portò alla formazione di una comunità di frati agostiniani con la costruzione, soprattutto nel secolo successivo, di numerosi edifici religiosi
  • Vetulonia: abitato sin dal IX secolo a.C., il territorio ebbe il massimo splendore in epoca etrusca. Poche notizie si hanno invece del passaggio all’età medievale: il paese fu iniziato a essere chiamato Colonnata e poi Colonna di Buriano, nome col quale era ancora conosciuto nel XIX secolo. Prima possedimento dei vescovi di Lucca, poi nel 1323 di Massa Marittima, quindi di Siena, dal 1825 nel Granducato di Toscana. Fu l’archeologo Isidoro Falchi a riportare alla luce tra il 1883 e il 1900 i resti dell’antica necropoli. Il 22 luglio 1887, con un regio decreto, fu riassegnato al borgo l’antico nome di Vetulonia.

 

 

LUOGHI D’INTERESSE

  • Borgo medievale: conserva due cinte murarie, una costruita nel X secolo dai Pisani e una nel XV secolo da Aragonesi prima e Senesi poi. Della prima sopravvivono la Portaccia e due torri, della seconda le tre porte di accesso al paese. Interessante anche il castello (proprietà privata), che domina la cittadina e il cui nucleo originario risale al X secolo, con un importante restauro all’inizio del XX secolo da parte dell’architetto Lorenzo Porciatti.
  • Casa Rossa Ximenes: situata nella riserva naturale della Diaccia Botrona, fu costruita dall’ingegnere Leonardo Ximenes su commissione dei Lorena nel 1765 per controllare il flusso delle acque tra la palude e il mare. E’ stata restaurata e attualmente ospita il Museo multimediale della Casa Rossa Ximenes, oltre a eventi artistici e culturali.
  • Riserva naturale Diaccia Botrona: si estende lì dove una volta si trovava il Lago Prile e ospita numerose specie di uccelli acquatici svernanti. Dal 1971 è zona umida di valore internazionale.
  • Area archeologica di Vetulonia: il sito archeologico fu scoperto alla fine del XIX secolo da Isidoro Falchi, cui è intitolato Il Museo archeologico del paese.
  • Eremo di San Guglielmo di Malavalle: costruito nei boschi di Tirli tra il 1230 e il 1249 da Papa Gregorio IX nel luogo in cui è sepolto San Guglielmo, fu poi danneggiato dai Senesi che sparsero le spoglie del santo. Fu monastero agostiniano dal 1604 alla seconda metà del XVIII secolo. Oggi il complesso è in condizioni di degrado.

 

 

EVENTI FISSI

  • Palio Marinaro: ad agosto la sfida tra le imbarcazioni dei rioni castiglionesi. La gara si corre dal 1952 e dal 2009 si è spostata dal fiume Bruna in mare. Vengono disputate, in date diverse, anche la sfida femminile e quella giovanile.
  • Palio di Vetulonia: tradizionale corsa dei ciuchi tra le quattro contrade del paese, che si svolge la prima domenica di settembre.

 

 

LO SPORT

  • L’hockey su pista: come nella vicina Follonica, l’hockey a Castiglione è lo sport più seguito. La squadra biancoceleste milita in Serie A2, ma ha trascorsi nella massima serie.
  • La vela: lo Yacht Club Punta Ala ospita ogni anno importanti manifestazioni velistiche nazionali e internazionali.
  • Il golf: a Punta Ala ha sede anche un impianto di golf che organizza numerosi tornei ogni anno.
    Giornate Europee dello Sport: da alcuni anni ogni primavera viene organizzata la rassegna che prevede numerosi eventi sportivi e altri collaterali di carattere culturale e turistico. Le Giornate Europee dello Sport hanno determinato un notevole incremento di presenze sul territorio in bassa stagione.
  • Il calcio: il Gs Castiglionese (colori rosso e blu) è stato fondato nel 1929.